IL PROGETTO QUADRILATERO LA RILEVANZA SOCIOECONOMICA AMBIENTE E SICUREZZA BANDI DI GARA PUBBLICAZIONI E DOCUMENTI LEGISLAZIONE SALA STAMPA
 HOME CHI SIAMO CONTATTI
Perugia-Ancona: "Lavori ripresi sul tratto umbro. Entro il 30 aprile cessione rami d'azienda Dirpa"
Perugia, 26 febbraio 2014
Comunicato stampa dell'Assemblea regionale Umbria


La Seconda commissione dell'Assemblea regionale ha ascoltato i responsabili della “Quadrilatero Marche Umbria spa” per un aggiornamento sui lavori della strada Perugia–Ancona. È stata annunciata la ripresa dei lavori per il viadotto Ranco e la messa in sicurezza della frana in località Sorbella mentre entro aprile dovrebbe avvenire la cessione dei rami d'azienda delle società Dirpa e Impresa. In merito al tratto Foligno–Civitanova, è stato spiegato che i problemi per lo svincolo di Val Menotre (località Scopoli) sarebbero stati superati, recependo le indicazioni della Sovrintendenza ed apportando alcune modifiche al progetto.


La Seconda commissione dell'Assemblea regionale ha ascoltato i responsabili della “Quadrilatero Marche Umbria spa” per un aggiornamento sui lavori della strada Perugia – Ancona e sugli assetti societari delle aziende coinvolte. Il presidente Guido Perosino e l'amministratore delegato Eutimio Mucilli, rispondendo alle sollecitazioni del presidente Gianfranco Chiacchieroni e dei consiglieri Andrea Smacchi (Partito democratico), Orfeo Goracci (Comunista umbro) e Massimo Mantovani (Nuovo centrodestra), hanno tracciato un quadro della situazione dei cantieri e delle procedure di vendita delle società coinvolte.

È stato sottolineato che, pur con sensibili progressi, non si può dire che la situazione dei cantieri sia stata sbloccata e risolta. Invitando ad approcciare la vicenda della Perugia – Ancona con grande cautela, Perosino e Mucilli hanno spiegato che i lavori sono ripartiti nel tratto della ss 318 per il viadotto Ranco fino al confine con il lotto Anas, per permettere la funzionalità del tratto stradale e la messa in sicurezza della frana in località Sorbella (lavori per un valore di 13,5 milioni di euro), attività che si completeranno entro la primavera del 2015: il 30 aprile si concluderanno le procedure di vendita degli asset di Dirpa e Impresa (contraente generale e affidatario poste in amministrazione straordinaria e affidate ad un commissario che ne sta curando la vendita) coinvolti nell'opera. Nel frattempo però la Quadrilatero ha chiesto al commissario di riattivare i cantieri e di metterli in sicurezza, sia per agevolare gli eventuali compratori che per non prolungare il blocco dei lavori. Ciò dovrebbe consentire un loro avanzamento secondo un cronoprogramma che sarà vincolante per l'impresa subentrante a Dirpa. Allo stesso tempo l'Anas, competente per il tratto Valfabbrica–Casacastalda, si trova ad affrontare i problemi della ditta Carena, posta in concordato preventivo. In merito al tratto Foligno–Civitanova, è stato spiegato che i problemi per lo svincolo di Val Menotre (località Scopoli) sarebbero stati sostanzialmente superati, recependo le indicazioni della Sovrintendenza, prevedendo un semi svincolo con entrata e uscita solo verso Foligno, la cui collocazione sarebbe stata rivista per attenuarne l'impatto. Il nuovo progetto deve ora essere sottoposto al ministero per le relative valutazioni.

Perosino e Mucilli hanno sottolineato che il “progetto Quadrilatero” sarà ultimato quando tutti e quattro i lati dell'asse viario saranno ultimati, “non esiste dunque alcun interesse a preferire o agevolare un tratto rispetto ad un altro. Le difficoltà riscontrate sono state legate a fallimenti e crisi aziendali, che hanno effettivamente colpito in modo molto forte soprattutto il maxi lotto n.2 (in Umbria, strada statale 318 da Perugia a Valfabbrica e strada statale 76 da Fossato di Vico). Ma questo è dipeso da fattori economici e di mercato, su cui la società committente, che ha scelto le ditte affidatarie con gare pubbliche, non ha alcuna responsabilità”.


 
   

SOCIETA' TRASPARENTE

ANAS S.p.A.



Informativa Cookie

built with Fastportal3 by FASTNET S.p.A.